Blog

Covid-19: la conservazione dei vaccini nei frigoriferi Unifrigor Med

Covid-19: la conservazione dei vaccini nei frigoriferi Unifrigor Med

La creazione dei vaccini anti Covid-19 ha permesso al mondo di tirare un primo sospiro di sollievo dopo la diffusione della pandemia.

Dalla registrazione del primo caso, la corsa al rimedio è stata incessante e ha visto in azione specialisti ed esperti di ogni parte del globo. L’inizio della distribuzione ha determinato il nuovo punto zero nella lotta al Covid-19, ma ha anche imposto nuove regole comportamentali, soprattutto per il personale medico che si trova a dover provvedere alla conservazione dei vaccini in attesa di somministrazione.

Sin dal dopoguerra, l’azienda Unifrigor Med si è specializzata nella produzione e nella vendita di frigoriferi e, da qualche anno, sono entrati a far parte della gamma dei prodotti offerti dall’impresa anche i frigoriferi per farmaci, la cui tecnologia è, oggi, essenziale per la conservazione dei vaccini anti Covid-19.

L’importanza della scelta

Come anticipato, la conservazione dei vaccini è un passaggio cruciale che, se svolto correttamente, può evitare che il farmaco subisca un irreparabile danneggiamento.

In quest’ottica, il frigorifero incaricato di ospitare le dosi gioca un ruolo fondamentale, rivelandosi, di fatto, lo strumento primario per la salvaguardia del medicinale e dei suoi effetti benefici.

Per essere efficiente, infatti, è necessario che il frigorifero rispetti specifici standard qualitativi e precise caratteristiche di funzionamento.

È ben noto che, per scongiurare il pericolo di una diminuzione di immunogenicità e, di conseguenza, l’inutilizzabilità delle dosi conservate, bisogna tener conto dell’elevata termosensibilità dei vaccini e seguire tutte le linee guida elaborate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La dotazione di tutte le attrezzature mirate ad assicurare il mantenimento e la conservazione del farmaco è, dunque, un requisito indispensabile per tutte le strutture incaricate della somministrazione, così come è indispensabile affidarsi a figure qualificate per l’acquisto di tecnologie di settore.

La cosiddetta catena del freddo deve essere costantemente monitorata e dotata di specifici sistemi di rilevamento, che forniscono un immediato feedback su eventuali interruzioni o malfunzionamenti.

La tecnologia alla base dei frigoriferi per la conservazione dei vaccini anti Covid-19 rappresenta il solo ed unico sistema per proteggere il farmaco e tutelare la salute dei pazienti che si sottopongono alla somministrazione.

I dati tecnici

I frigoriferi utilizzati per la conservazione dei vaccini anti Covid-19 devono, dunque, rispettare rigorosi standard qualitativi.

La Unifrigor Med, da anni impegnata nella produzione di apparecchi per la conservazione dei farmaci, conosce bene i requisiti che ogni frigorifero deve avere, per poter essere impiegato in ambito farmaceutico.

Il primo elemento da verificare è la presenza di un efficiente sistema automatico di registrazione delle temperature, utile per ottenere uno storico con tutte le misurazioni termiche dell’apparecchio.

In questo modo è sempre possibile tenere sotto controllo il frigorifero e i farmaci contenuti al suo interno.

Per rendere l’accertamento ancora più preciso e funzionale, inoltre, i frigoriferi per vaccini sono dotati di un sofisticato sistema di allarme, che avvisa il personale in caso di anomalie o guasti di ogni genere.

La Unifrigor Med è stata la prima azienda ad inserire, negli apparecchi di refrigerazione, la famosa tecnologia IoT internet of things.

Un’evoluzione dell’uso della rete, che consente agli oggetti di rendersi riconoscibili e acquisire intelligenza, grazie alla possibilità di poter comunicare e ricevere dati, indispensabile per avere un controllo ancora maggiore sul funzionamento.

Grazie all’IoT, infatti, l’allarme, inviato al titolare del frigorifero, verrà inoltrato a distanza anche alla casa madre, per consentire al produttore stesso di intervenire e variare i parametri, evitando che le centinaia di dosi contenute all’interno vadano perdute.

In aggiunta, i frigoriferi per vaccini devono essere dotati anche di un termostato di sicurezza anticongelamento, incaricato di bloccare il funzionamento del compressore al raggiungimento dello 0° C.

Persino l’aspetto estetico del frigorifero può essere utile ad una migliore conservazione ed è per questo che gli esperti consigliano di scegliere un modello con cassetti trasparenti, così da facilitare la visione dei vaccini all’interno dell’apparecchio.

Il frigorifero responsabile dello stoccaggio dei vaccini può anche diventare sostenibile, poiché basterà utilizzare una tecnologia ad inverter, per ridurre considerevolmente rumore e consumi.

Blog

Le altre notizie

Frigoriferi per farmaci: il valore dell’assistenza post vendita

Nella decisione di acquistare un frigorifero per la conservazione dei farmaci, il valore dell’assistenza post vendita…

I benefici della Tecnologia Inverter per la conservazione di farmaci e vaccini

I frigoriferi medicali sono diventati uno strumento indispensabile per la conservazione di farmaci, vaccini e altre…